Giochi musicali per bambini dai 3 ai 12 anni

Giochi con la musica, calmi e di movimento



Rilancia i palloncini

 

Tipo di gioco: movimento

Materiale occorrente: palloncini, qualcosa che delimiti una zona o comunque qualcosa che divida un campo a metà come del nastro bianco rosso, 2 sacchi grandi, stereo e musica

Età: 3/7

Giocatori: più di due

Spazio: chiuso

N.B. Non e' un gioco che si può fare se lo spazio è ristretto o ci sono tanti ostacoli, serve uno spazio libero.

 

Prepariamo tanti palloncini  per riempirne almeno due sacchi del tipo grande. Delimitiamo un campo proporzionato al numero di bambini, se  non è possibile  delimitarlo, spieghiamo fin dove possiamo muoverci e mettiamo una linea per terra per la metà campo ( un pezzo di nastro bianco rosso fermato alle estremità è l'ideale).  Dividiamo i bambini in due squadre, tutti fermi  mentre distribuiamo i palloncini nei campi. Spieghiamo il gioco.

Inizia la musica ed ogni giocatore della sua squadra lancia più palloncini possibili dall'altra parte del campo. Dopo circa un minuto spengiamo la musica e tutti si bloccano. Contiamo i palloncini presenti in ciascun campo, vince un punto la squadra che ne manda di più dall'altra parte. Di nuovo via con  la musica e ripartiamo. Possiamo fare questo gioco più volte. 


Completa le canzoni

 

Tipo di gioco:  calmo

Materiale occorrente: stereo, musica e fogli con testi canzoni

Età: 10/12

Giocatori: più di uno

Spazio: chiuso

 

Prepariamo un foglio per ogni testo, scegliamo canzoni adatte all'età dei giocatori.

Giochiamo, uno per volta, facciamo scegliere tra uno dei testi a piacere.

Parte la canzone prescelta, iniziamo a cantare e non smettiamo anche quando togliamo il volume della canzone, poi quando rialziamo il volume, constateremo la coincidenza con la canzone ed assegneremo o no un punto. Non cantiamo  tutta la canzone, basta un pezzo, per evitare che ci sia troppa attesa per il proprio turno, se ci sono tanti partecipanti facciamo questo gioco a gruppi di due o tre.

 


Balla con il giornale

 

Tipo di gioco:  movimento

Materiale: fogli di giornale e musica

Età: 8- 12 anni

Giocatori: più di uno

Spazio: aperto o chiuso

 

Distribuiamo per ciascun giocatore un foglio di giornale. Quando c'è  la musica balliamo sventolando il giornale, quando blocchiamo la musica, il giornale va messo sotto i piedi; ogni volta il giornale va piegato, e quando lo poggiamo in terra diventa sempre più difficoltoso poggiarci sopra i piedi( alla fine arriviamo a stare in punta di un piede). Il gioco termina quando diventa impossibile piegare ancora il giornale. Mostriamo ogni volta come piegarlo. Possiamo decidere se facciamo il gioco ad eliminazione, coinvolgiamo sempre anche chi non gioca dandogli magari un ruolo di assistente.

 



Scappa pesciolino

 

Tipo di gioco: movimento

Età: 3 - 7 anni

Materiale: stereo con musica

Giocatori: più di sei

Spazio: aperto o chiuso

 

Due bambini si danno entrambi le mani e formano una specie di rete che si alza e si abbassa. Gli altri si dispongono in fila indiana, sono i  pesciolini. Spieghiamo che quando ascoltiamo la musica i pesciolini  passano sotto la rete, come questa viene interrotta, la rete si abbassa ed il pesciolino preso si trasforma per magia in parte di questa.  Il gioco riprende. Alla fine si forma una rete grandissima finchè rimangono solo due  pesciolini, i vincitori.

 


Scarta scarta

 

Tipo di gioco:  calmo

Età: 3 - 10

Materiale:  prepariamo, utilizzando un regalino ( adatto all'eta' dei partecipanti) e fogli di giornale riciclati, una palla di carta avvolgendo il regalino in un foglio dietro l'altro fermandolo con un pezzetto di scotch,( quando raggiunge la dimensione di una palla piccola, è pronto), consiglio di preparane almeno tre; uno stereo e musica.

Giocatori: più di due

Spazio: aperto o chiuso

 

Ci mettiamo seduti in cerchio e spieghiamo che la palla di carta contiene una sorpresa e va fatta passare di mano in mano in senso orario ( o antiorario ) fin quando c'è la musica, che, quando si ferma ( a questo ci pensa  l'animatore) chi ce l'ha comincia a scartare, mentre gli altri possono partecipare dicendo:"scarta, scarta ....". Non appena riprende la musica la palla di carta ricomicia a girare fino a quando si arriva alla fine e qualcuno conquista il regalino.

E' importante che ogni bambino possa scartare per alcuni secondi, quindi sta alla nostra bravura gestire la musica e la durata dello scartare.

Per variare  possiamo ogni tanto potete cambiare il senso da orario ad antiorario e viceversa.

Possiamo rivestire la palla di carta con un foglio di giornale che lo avvolga tipo una caramella gigante.

 


Macrolibrarsi.it presenta la nuova collana Il Filo Verde di Arianna

Il ballo degli animali

 

Tipo di gioco: movimento

Età: 3 - 6

Materiale:  stereo e musica

Giocatori: più di uno

Spazio: chiuso

 

Questo è  un gioco semplice adatto ai piccolini per farli ballare. Dobbiamo imitare i movimenti di un animale da noi citato. camminiamo e balliamo come lui. E' importante partecipare attivamente ballando e dando anche spunti sul movimento degli animali.

 


Conquista il posto

 

Tipo di gioco:  movimento

Età: 3 - 12

Materiale: dischi di cartone o cerchi piccolo e stereo con musica

Giocatori: più di cinque

Spazio: chiuso

 

Questo è un gioco molto semplice e divertente, mettiamo dei dischi di cartone a cerchio. Prepariamo la musica.

facciamo disporre i giocatori a cerchio intorno ai dischi  e spieghiamo le regole.

Con la  musica giriamo intorno ballando, senza musica dobbiamo occupare un posto.

Ogni volta, alla fine del giro, togliamo un cerchio, fin quando ne rimane solo uno ed i giocatori di conseguenza sono due, chi conquista l'ultimo cerchio vince il gioco.

Vi consiglio, quando iniziate il gioco, di lasciare la prima volta tutti i cerchi  in modo che, almeno all'inizio tutti possono conquistare un posto, ogni volta che un concorrente viene eliminato,  possiamo renderlo parte attiva  facendoci aiutare togliendo i cerchi, controllando il gioco e spengendo ed accendendo lo stereo ( quando lo comunichiamo noi ) e questo via via assegnando i ruoli se qualcuno vuole fare qualche cosa, altrimenti si sta intorno magari ballando.

Se i giocatori sono tanti facciamo durare poco la musica ad ogni giro, se sono pochi un pochino di più.

Possiamo farli anche ballare proponendo dei movimenti mentre girano per rendere il gioco ancora più divertente.  

Un'alternativa ai dischi  di cartone sono le  sedie.


Verde, giallo, rosso

 

Tipo di gioco:  movimento

Età : 5 - 10 anni

Materiale: stereo e tre palette con tre colori diversi ( rosso, giallo, verde) o anche solo con la voce.

Giocatori: più di uno

Spazio: aperto o chiuso

 

Spieghiamo che, quando si dice verde si balla, rosso si sta fermi, giallo seduti e naturalmente possiamo cambiare a nostro piacimento i movimenti. Parte la musica e alziamo la paletta e diciamo il colore, chi sbaglia sta fermo per un minuto, poi ricomincia la gara!

 


Ballo con il palloncino

 

Tipo di gioco: movimento

Età: 8 - 12 anni

Materiale: tanti palloncini, stereo e musica

Giocatori: più di quattro

Spazio: chiuso

 

Formiamo le coppie di partecipanti e diamo a ciascuna un palloncino, balliamo tenendo il palloncino fermo a contatto di una parte del corpo; facciamo cambiare spesso il posto del palloncino.

Per esempio possiamo fare: mano vs mano - braccio vs braccio - spalla vs spalla - schiena vs schiena - piede vs piede - fianco vs fianco e così via. E' possibile ripetere la posizione del palloncino e decidere se farlo ad eliminazione ( chi perde il palloncino ) o se  balliamo sempre tutti, che è sicuramente meglio.

 

 


Balla come faccio io

 

Tipo di gioco: movimento

Materiale : stereo e musica

Età: 8- 12 anni

Giocatori: più di xinque

Spazio: chiuso o aperto

 

Ci disponiamo tutti in cerchio, ed un giocatore al centro.

Inizia la musica e chi è al centro comincia a ballare, noi imitiamo i suoi passi.

A turno, uno per volta ci alterniamo al centro.

Niente eliminazione, è un gioco molto divertente, ma non facciamo stare troppo tempo al centro  la stessa persona , non forziamo se qualcuno non vuole andare  e se vediamo che ad un certo punto nessuno vuole più andare a dirigere i passi, lo facciamo noi.